NO PARK, SI TAVAN: Aderisci e lascia un pensiero

IL SONNO DELLA RAGIONE GENERA …PARCHEGGI”

APPELLO/PENSIERO/AZIONE

CHIEDIAMO

– Che venga annullata la dedica a FT del parcheggio di via Vallona 

– Che vengano rimosse le immagini e i testi che riguardano FT dal parcheggio

– Che la figura e l’opera di FT non siano usate in modo strumentale da politici e operatori culturali

– In omaggio alle “trovate” di Federico che ha voluto istituire un premio di poesia a suo nome finché era vivo, chiediamo che il parcheggio di via Vallona sia intitolato più coerentemente ad un vivo che ha fatto tanto per rendere invivibile la città!

Chiediamo a tutti quelli che sono rimasti increduli di fronte a questa vergogna, che hanno aspettato mesi  nella speranza che qualche testa pensante o politico o bambino avanzasse qualche proposta riparatoria,  di sottoscrivere questo appello.

tavanpino

GLI “AMICI DI TAVAN”

Nonostante il pensiero di Federico, i solerti “amici” più o meno i soliti, ammaliati da un’idea “geniale”, iniziano il percorso di santificazione/assimilazione  dell’eretico: musici, poeti, fumettisti, fotografi, cooperatori sociali, politici, politici pentiti prestati alla letteratura, tutti insieme appassionatamente in un grande “salotto” targato GSM (l’azienda che gestisce i parcheggi anche a Pordenone) a cui in cambio di pochi spicci vendono il nome e l’immagine del Poeta.

Ebbene si: un parcheggio Federico Tavan! La celebrazione del “genio maledetto”, il Campana friulano, del poeta e della sua poesia “trascritta sia in dialetto andreano che in lingua italiana” come leggiamo dalla presentazione dell’iniziativa (sigh!) ovvero uno squallido tentativo di santificazione della “nostra preziosa eresia” per usare l’abusatissima citazione della Vellerugo. Decidetevi…Santo o  Eretico? E’ il rogo che fa la differenza !

In queste premesse possiamo già indovinare retrospettivamente la parabola di solitudine e sofferenza, intellettuale prima che esistenziale,  che lo avrebbe portato alla sua “morte” poetica/politica prima, reale dopo. Noi ci vediamo anche la totale mancanza di rispetto verso il suo pensiero, scritto e dichiarato,  che caratterizzerà costantemente i rapporti con i vari salotti (come lui li chiamava) con cui si incrocerà e si scontrerà.

“In un mondo di arroganti, impostori, geni soltanto perché loro stessi dicono d’essere dei geni.

Facilmente smontabili, ma non puoi.

Se li smonti, crollerebbe lo stato democratico”

Federico Tavan


Nome: laura galluzzo
Commento: sensibilità da cubo di cemento armato (di pessima qualità)

 

Nome: Silvia Facchin
Commento: A Federico piaceva muoversi, andare; chiedeva passaggi, non soste. Un parcheggio non è posto per Federico Tavan.

 

Nome: Luigina Perosa
Commento: quando ne ho sentito parlare per la prima volta, ero perplessa, poi vedendo che suoi grandi amici come Colonnello e De Marco erano d’accordo, ho pensato che forse sbagliavo io e l’intitolazione stava nel suo essere sempre e comunque un eretico.
no, più ci penso e più sono convinta che un parcheggio sia quanto di più lontano si possa immaginare dal pensiero, dalla vita e dalle poesie di Federico. firmo volentieri

 

Nome: Marcello Bressan
Commento: al giorno d’oggi la cementificazione e l’asfalto possono dare onore solo all’arroganza assetata di potere, certo non ad un poeta la cui idea principiale era, e c’è ancora nel suo spirito, la Libertà!

 

Nome: lorena fornasir
Commento: Che venga annullata la dedica a FT del parcheggio di via Vallona
– Che vengano rimosse le immagini e i testi che riguardano FT dal parcheggio
– Che la figura e l’opera di FT non siano usate in modo strumentale da politici e operatori culturali

 

Nome: Leandro Schizzi
Commento: a un poeta come Federico Tavan, nato e cresciuto tra il verde dei boschi pordenonesi, non si può intitolare un blocco di cemento, per quanto utile possa essere alla città: piuttosto gli sia dedicato uno spazio verde, sarebbe più coerente con le sue radici.

 

Nome: Mauro Marra
Commento: un poeta è unico, irrepetibile, apre la strada, non la chiude

 

Nome: Ezio Favero
Commento: Rispettiamo il pensiero di Tavan

 

Nome: daniele de piero
Commento: la poesia non si parcheggia

 

Nome: Luca Meneghesso

Commento: cun Tavan cuintri lis celebrations…

 

Nome: Sara Moretton
Commento: Sí reputano sapienti ma al leggere le poesie di Federico non passerebbe nemmeno per l’anticamera del cervello di intitolargli un parcheggio!
Non v’è più etica né rispetto, cari politici lasciate perdere e prendete un libro in mano, abbassate la testa una volta tanto e LEGGHINO lor signori, LEGGHINO!

 

Nome: mino specolizzi
Commento: se la mente di un genio genera mondi, universi in cui tutti possiamo specchiarci e crescere, la mente di un opportunista non può che generare profitto per se stesso.
Io come risposta costruttiva, al parcheggio dedicato a FT, pianterò una decina di alberi all’interno dell’Orto dei Tu’rat, creando l’oasi Federico Tavan.
Mino

Nome: carla padovan
Commento: mi sembra avvilente per un poeta libero e creativo che amava gli spazi aperti , dedicare  un parcheggio arido , cementato, anonimo. E’ proprio il contrario e di più lontano si possa pensare dalla sua anima !. Mi permetto di dissentire dall’azione di intitolare  questo non – luogo a qualsiasi vivente attuale: mi sembrerebbe un’offesa alla sua dignità .
Carla Padovan

 

Nome: adelina zanella
Commento: sono per l’inclusione sociale, non per la reclusione…
sono per il rispetto del pensiero e delle volontà delle persone, soprattutto se sono fragili e non (più) in grado di difendersi…
sono perchè gli amministratori di sostegno non si occupino solo di gestire i soldi, ma anche il bene e il rispetto della persona…
sono perchè il Poeta parli attraverso le sue poesie, le sue lettere, i suoi reading…
sono per la poesia che rende viva la città (specie quelle di nazisti in fuga come Bariloche), per decenni a Pordenone c’è stata una poesia della Cantarutti scritta a spray sul muro del Centro Studi… non servono costosi striscioni fatti in fretta tanto da dimenticare una frase chiave del testo…
sono perchè la professoressa L. Covre prenda posizione anche sul parcheggio di via vallona perchè ciò che ha detto per PPP vale anche per FT, anche se non ha vissuto a Sacile…
sono perchè la cultura e i beni culturali siano anche una risorsa economica  del Paese, ma senza farli diventare un mercato in mano ai potenti di turno…
sono per lasciare in pace FT e farlo vivere solo leggendolo

 

Nome: Gian Luigi Bettoli
Commento: Non so, sono perplesso.
Da un lato, sono d’accordo con quanto scrivete.
Dall’altro, penso che l’intitolazione del parcheggio a Federico sia un modo per farne conoscere l’opera, in questo mondo di distratti ubriachi da tv e computerini.
Contestare l’opera, in qualche modo, può essere un atto di sintesi, in quanto prende atto che i “non luoghi” sono più luoghi che mai, e tiene vivo il ragionamento.
In sostanza, va bene, visto che me lo proponete voi, aderisco. Ma con le premesse di cui sopra.
Ciao e grazie.
Gigi, cooperatore sociale, a dispetto di quanto scrivete sotto.

 

Nome: sebastiano comis
Commento: a pasolini non hanno voluto intitolare il liceo classico
a tavan vogliono invece dedicare un parcheggio
c’è del metodo in questa idiozia

 

Nome: mario
Commento: Hanno parcheggiato il cervello, e cercano di usare la libertà altrui poiché si sono venduti l’anima alla colonnina blu!

 

Nome: SABRINA GIONTELLA
Commento: Cattivo gusto, inciviltà e ignoranza.
Tanta ignoranza che, insieme alla presunzione di sapere, genera queste abominevoli situazioni.
Chi lo ha stabilito, comunque, non sarà in grado di comprendere l’appunto.
E recuperare il senso dello scandalo è l’unica arma possibile.

 

Nome: darioskji
Commento: sono certo che federico tavan, oggi, sia più vivo che mai, più attuale che mai, più presente che mai…
NO TAVOR SI’ TAVAN!! NO TAV Sì TAVAN!!
No ai manicomi diffusi e a bassa intensità!!
E’ più vivo che mai perché le ragioni della sua poesia sono più vive che mai… augh!!
san vito al tagliamento, 11/9/2014.

 

Nome: maria grazia
Commento: Liberate Federico e lasciatelo volare in pace sulla sua Naf Spazial

 

Nome: Lino Roveredo
Commento: Mi ricordo la prima volta che conobbi Federico al Csa di Udine e mi colpì la sua genialità e spontaneità. Un saluto a Federico

 

Nome: raffaele bb lazzara
Commento: sempre tavan mai tav

 

Nome: Michele Negro
Commento: Conobbi Federico un pò dopo l’uscita di “Nave Spazionale” conducendo un’intervista pubblica alla Casa del Popolo non posso che condividere l’Appello che corrisponde ai suoi pensieri e alla sua ardente passione per la vita non regolata e nonparcheggiabile.
Condivido anche la proposta di cercare un nome tra chi ha contribuito a cementificare il centro città con tante brutture per avida speculazione.
Michele negro

 

Nome: Rossana Casadio
Commento: non saprei quale luogo potrebbe essere più squallido e freddo di un multipiano… e vogliamo intitolarlo ad un’anima limpida e appassionata di poeta?!

 

Nome: Berti Maria Gabriella
Commento: Chiunque é capace di riconoscere la grandezza e la capacità delle grandi personalità dopo la morte, molto difficile riconoscerli quando sono ancora in vita e dargli il giusto riconoscimento.

 

Nome: Stefano Raspa
Commento: Parlare di Tavan per non ascoltare cosa diceva e scriveva, la “cultura” pordenonese si avventa sul poeta, la forza delle sue parole li seppellirà!

 

Nome: Viviana
Commento: Sensibile sopra ogni ragion d’essere comune, poeta di una lingua minore, meriti di essere letto come un paesaggio montano che ti vide nascere.

 

Nome: Cristina Tonsig
Commento: lasciate stare Tavan uomo e continuate a leggere le sue poesie

13/14/15 settembre Villanova PN: tornano le giornate dell’autogestione!

Copia di flyerA Continua a leggere

1° settembre, ore 10.00: tutti a Vivaro!

biodiv1sett

C’è un lager dietro casa tua, non voltarti dall’altra parte!

cieno

25 aprile 2013 a Pordenone: this machine kills fascists!

922597_10151311054671486_1761211297_o

23 marzo Pordenone: il confine orientale tra mito e realtà!

886200_10151265589866486_60353762_o

16 marzo Torre di Pordenone: case del popolo case di tutti

859478_416761305085222_68497276_o

  • Categorie

  • Archivio

  • Amici Zapatisti

  • Post più quotati

  • Circolo
  • Germinal - Trieste!
  • Ecologia Sociale
  • RSS InfoAction – portale libertario regionale

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.